Home     Posters - Irony, Imagination and Eroticism in Advertising
Posters - Irony, Imagination and Eroticism in Advertising

Posters - Irony, Imagination and Eroticism in Advertising


1895 - 1960

Bookmark and Share


€ 45.00

Artikelcode: 8427

 

POSTERS - Irony, Imagination and Eroticism in Advertising 1895 - 1960
MANIFESTI - Ironia, fantasia ed erotismo nella pubblicità 1895-1960
286 pages
Color photos
Hard cover
32 x 26 cm
2,322 kg
English & Italian

In the closing decade of the nineteenth century, the modern age invaded the city streets of Italy in the form of advertising posters. Bouquets of monkeys, elephants, masks, automobiles and elegantly--and sometimes scantily--clad ladies suddenly blossomed upon walls everywhere, indoors and out, visually grabbing the attention of an Italian public interested in the new commercial products that promised a new way of living. These advertisements were executed by some of the greatest illustrators of the day--Leonetto Cappiello, Achille Lucien Mauzan, Marcello Dudovich, Plinio Codognato, Leopoldo Metlicovitz and Gino Boccasile--who together produced a medley of playful, allusive, ironic and experimental imagery unmatched by any other European or American posters of that era. The current scarcity of Italian posters on the market today makes this lush publication all the more valuable for its depiction of a legacy in poster design.

---------------------------------------

Tra la fine del XIX e la prima metà del XX secolo, nelle strade delle città di un'Italia che si sta aprendo all'era moderna, fanno la loro apparizione - e rapidamente si diffondono - i primi manifesti pubblicitari, eccezionali strumenti di promozione del nuovo "vivere".
I forti colori, i contrasticromatici, che nascono dal pennello dei grandi illustratori dell'epoca come Cappiello, Mauzan, Dudovich, Codognato, Metlicovitz o Boccasile, catturano l'attenzione di un pubblico sempre più attento ai nuovi prodotti. Il gioco, l'allusione, l'ironia, la sperimentazione - in una parola la fantasia - diventano così caratteristica principale della comunicazione pubblicitaria italiana, che non ha confronti con quanto si va facendo negli stessi anni nella cartellonistica europea e statunitense, confermando così la vitalità e la portata innovativa della creatività italiana. Il volume, introdotto da un testo del curatore, è completato da una bibliografia.